Perché ho prurito nella vagina dopo il ciclo mestruale?

Home » Salute » Perché ho prurito nella vagina dopo il ciclo mestruale?

Il prurito vaginale che si verifica poco dopo il ciclo mestruale può avere diverse cause. Il più comune è la diminuzione dei livelli di estrogeni, in quanto provoca una perdita di umidità nei tessuti vaginali, portando a irritazione e prurito nella vagina.

Ma questa non è l’unica causa possibile; continua a leggere qui sotto per conoscere altri dettagli sull’argomento.

Perché ho prurito nella vagina dopo il ciclo mestruale?

Oltre ai cambiamenti ormonali tipici dello stadio post-mestruale, il prurito nella vagina può anche essere dovuto al contatto con sostanze irritanti presenti in alcuni prodotti per l’ igiene femminile, ad esempio negli assorbenti utilizzati durante il ciclo; Questi possono contenere fragranze, coloranti e altri prodotti chimici che irritano la pelle vaginale delicata. A volte, usare lo stesso assorbente per molte ore o tutta la notte può causare irritazione, interessando l’area intima per diversi giorni dopo il periodo mestruale. Le donne che sono suscettibili a questo di solito optano per il cotone organico o la coppetta mestruale.

prurito-vaginale-ciclo

La tua biancheria intima può anche essere una causa di prurito nella vagina. Assicurati di non usare materiali sintetici; opta per biancheria intima di cotone, che è confortevole e consente la ventilazione della zona.

Finora abbiamo visto cause innocue del prurito vaginale dopo il ciclo, ma ci sono altre condizioni da considerare, in questo caso le infezioni vaginali comuni come la candidosi e vaginosi batterica.

La candidosi vaginale si verifica quando il fungo candida albicans comincia a crescere eccessivamente. Il prurito è uno dei suoi sintomi tipici, accompagnato da irritazione e perdite bianche abbondante; Questi disagi solitamente aumentano dopo il ciclo mestruale. Va notato che la candidosi non è l’unica infezione fungina che provoca prurito, qualsiasi proliferazione di funghi causerà sintomi simili.

Nel caso di vaginosi batterica, la donna sperimenta uno squilibrio nella sua normale flora batterica a causa della crescita eccessiva di alcuni batteri anaerobici che si trovano normalmente nella vagina. Questa condizione è caratterizzata da un ciclo abbondante e acquoso, un cattivo odore vaginale simile a pesce e una sensazione di bruciore / pizzicore. Sebbene molte donne con vaginosi batterica non presentino questi sintomi, quando si manifestano tendono a essere più evidenti dopo il rapporto sessuale.

Altre cause comuni di bruciore nella vagina, sia prima che dopo il ciclo mestruale, sono malattie trasmesse sessualmente. Clamidia , herpes e gonorrea possono causare un’irritazione significativa nella zona genitale, oltre allo scarico giallastro, all’odore sgradevole, a dolore durante il rapporto e alla minzione, alla comparsa di macchie vaginali tra i cicli. Se hai avuto rapporti sessuali rischiosi e inizi a sentire improvvisamente prurito, consulta il medico il prima possibile per essere controllata.

Si dovrebbe anche prendere in considerazione la possibilità di una reazione allergica, specialmente se si è stati esposti a una nuova sostanza chimica o sostanza, ad esempio un nuovo sapone, un gel da bagno o un detersivo per bucato. Se la presenza di bruciore nella vagina coincide con l’uso di un prodotto sospetto, è meglio sospenderlo per vedere se il disagio scompare.

Rimedi per alleviare il prurito vaginale dopo il ciclo

L’applicazione dei seguenti rimedi casalinghi può aiutare a lenire rapidamente l’irritazione vaginale, ma ricorda che è sempre importante conoscere la causa sottostante per sradicarla ed eliminare il problema alla radice .

Acqua fredda Lavare la vagina e l’area circostante con acqua molto fredda, riduce la sensazione di bruciore per un po ‘.

Yogurt.  Se la causa del prurito vaginale è un’infezione, come la candidosi o la vaginosi batterica, è possibile applicare lo yogurt naturale all’apertura vaginale o introdurre un tampone precedentemente imbevuto di yogurt. Lasciare agire per almeno 30 minuti per riequilibrare il pH vaginale sano e favorire la proliferazione dei batteri lattobacilli .

Aceto di sidro di mele. Ha la capacità di ripristinare l’equilibrio del pH e neutralizzare la proliferazione di microrganismi indesiderati nella vagina. L’opzione più efficace per alleviare il prurito con l’aceto di mele è quella di sciacquare l’area intima con una soluzione di acqua e aceto, due volte al giorno

Bagno con acqua e sale.  Mescolare due cucchiai di sale con acqua calda e mescolare per sciogliere completamente. Quindi utilizzare questa soluzione per risciacquare l’area genitale, con particolare attenzione alla vagina. Puoi anche fare il bagno in acqua salata per 15 minuti.

Termini più ricercati:

  • mestruazioni e prurito
  • prurito dopoil ciclo
  • prurito vaginale dopo mestruazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Blog Cure e Rimedi