Cistite

Home » Salute » Cistite

La cistite è dovuta a germi svariati (coli, streptococchi, stafilococchi, protei) i quali nella maggior parte dei casi giungono alla vescica per via ascendente, attraverso l’uretra. Ciò spiega la più frequente insorgenza della cistite nella donna: visto la brevità dell’uretra i germi percorrono più agevolmente tale percorso.

cistite

cistite

Nelle donne in età fertile, il rischio di infezione è aumentato dai rapporti sessuali, dal ritardato svuotamento vescicale e dalla promiscuità sessuale. Nel periodo post-menopausa, invece, la variazione del Ph vaginale conseguente alla carenza estrogenica (unitamente alle disfunzioni della minzione molto frequenti in questo periofo) può facilitare le infezioni.

Dunque, l’attenzione all’igiene intima è fondamentale, come lo è la corretta idratazione nelle 24 ore (che realizza un “lavaggio” costante della vescica) ed anche il rispetto dello stimolo fisiologico ad urinare (soprattutto svuotando la vescica dopo un rapporto sessuale).

Sintomi cistite:

I sintomi della cistite sono schematicamente riducibili a tre fondamentali:

  • Stimolo frequente e ravvicinato alla minzione (detto pollachiuria), accompagnato alla sensazione di non aver svuotato completamente la vescica;
  • Bruciore doloroso alla emissione delle urine (detto stranguria)
  • Dolore continuo alla regione anteriore e bassa dell’addome.

L’esame delle urine rivela in essa la presenza di globuli bianchi in numero elevato, tale da conferire a volte alle stesse un aspetto purulento (piuria), di globuli rossi, di cellule sfaldate dalla superficie della mucosa, di batteri. Solitamente, il decorso della cistite è benigno, il processo infettivo rimane circoscritto alla sola vescica. In rari casi, l’infezione può diffondersi a visceri vicini, in particolar modo risalendo lungo le vie urinarie fino al rene, con possibilità quindi di cistopieliti e di cistopielonefriti.

Terapia cistite

La terapia consiste sull’impiego di disinfettanti urinari e di antibiotici. L’identificazione del germe in causa e la determinazione della sua sensibilità alle diverse sostanze terapeutiche facilita la scelta dei farmaci.

Per favorire il normale espletamento delle funzioni urinarie, prevenendo l’insorgenza di disturbi, è opportuno seguire una dieta semplice, con limitazione di consumo di alcune spezie (pepe e senape), di salumi troppi grassi, degli insaccati e di bevande alcoliche e gassate.

Termini più ricercati:

  • yhs-fullyhosted_003
  • la cistite può ritardare il ciclo
  • cistite prima del ciclo
  • la cistite ritarda il ciclo
  • cistite e ciclo
  • cistite e mestruazioni
  • la cistite può ritardare il ciclo mestruale
  • cistite e ciclo mestruale
  • cistite e ciclo in ritardo
  • cistite e ritardo ciclo

Commenti

  1. Cassandra on 21 maggio 2013 at 19:45 said:

    Ho sofferto di cistite recidivante per 4 anni di fila. Ho preso mirtilli ed antibiotici sempre mirati in base all’antibiogramma anche come profilassi per 6 mesi tutti i giorni. Purtroppo non ho mai risolto nulla. Anzi, peggioravo di anno in anno non solo a livello vescicale, ma anche intestinale e vaginale instaurando un potente circolo vizioso che sono riuscita a spezzare solo quando paradossalmente ho smesso di assumere antibiotici. I mirtilli, la vitamina c e tutti i prodotti acidificanti han fatto sì che il quadro peggiorasse sempre di più (era come mettere del succo di limone su una ferita aperta: l’infiammazione aumentava ulteriormente anche se non avevo più batteri). Contemporaneamente ho cominciato ad assumere d-mannosio (uno zucchero naturale che si attacca ai batteri impedendogli di attaccarsi alla vescica), fermenti lattici vaginali (per ripristinare la flora batterica locale, prima difesa che una donna ha contro il passaggio dei batteri dall’ano all’uretra) ed orali (per ripristinare la flora intestinale rovinata anch’essa dalle terapie antibiotiche), ho eliminato ogni detergente intimo (che alterava il ph vaginale e non faceva altro che asportare le secrezioni vaginali contenenti la poca flora batterica residua ed importanti sostanze difensive) e ho buttato sia i salvaslip che gli assorbenti sintetici che non permettevano alla pelle di traspirare creando l’umidità ideale per la proliferazione batterica e micotica (quindi peggiorando le perdite per le quali mettevo il salvaslip!).
    Da allora (6 anni) non ho avuto più nulla!
    Fondamentale per la mia guarigione è stato un forum che mi ha aiutato tantissimo, un forum autonomo in cui le donne affette da cistite si uniscono e si supportano per un aiuto concreto reciproco.

  2. Patrizia on 21 giugno 2013 at 11:17 said:

    Mi è capitato già tre voltre di soffrire di cistite. è veramente un dolore fastidioso. dall’ultima volta però ho scoperto un prodotto molto efficace per curarne i sintomi. Si chiama Rubis è grazie alla sua formulazione favorisce il mantenimento dei meccanismi fisiologici protettivi del tratto urinario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog Cure e Rimedi