Vantaggi e Svantaggi del parto cesareo

Home » Gravidanza » Vantaggi e Svantaggi del parto cesareo

Prima di descrivere i vantaggi e gli svantaggi di parto cesareo è necessario sapere che questa è un’operazione che viene utilizzata per rimuovere il feto dalla madre, in aggiunta alla placenta, facendo un’incisione nell’addome e all’utero.

Inizialmente il parto cesareo veniva utilizzato nei casi in cui la vita della madre è a rischio. Tuttavia, oggi si tratta di una procedura chirurgica ampiamente utilizzata in tutto il mondo quando il parto naturale rappresenta un pericolo sia per la donna che per il bambino. Come ogni intervento chirurgico, questo presenta dei rischi, ma anche dei benefici.

La procedura è molto semplice. Come prima cosa, al paziente viene applicata una anestesia spinale, cioè egli rimane cosciente, ma non sente niente dall’addome in giù.

Una volta che l’anestetico ha preso effetto, il chirurgo procede a ricavare un’apertura nell’addome inferiore, sopra la zona pelvica. Poi procede ad aprire il grembo materno e sacca amniotica per rimuovere successivamente il bambino.

Il personale medico che assiste il chirurgo:

  • Pulirà il bambino.
  • Controllerà i segni vitali del neonato.

In termini generali, la procedura è molto semplice e si dura per un’ora o così.

Perché fare un parto cesareo?

I motivi per decidere di beneficiare dei vantaggi parto cesareo dipendono dalla storia clinica della donna in gravidanza e in genere viene fatto per garantire il benessere del bambino.

Può essere fatto quando si verificano le seguenti condizioni per il bambino:

  • Gravidanze multiple.
  • posizione anomala in utero: piedi incrociati o in avanti.
  • Idrocefalo.
  • Quando il cuore non funziona in modo normale.

Anche alcune condizioni della madre possono determinare il parto cesareo rispetto al parto naturale:

  • Preeclampsia o eclampsia.
  • cesarei precedenti.
  • Quando la madre è sieropositivo.
  • Altre malattie a trasmissione sessuale come la gonorrea, la sifilide o herpes genitale.
  • Quando la madre ha avuto un intervento chirurgico precedente nel grembo materno.

Oltre le condizioni sopra elencate, il cesareo viene effettuato quando si presentano alcune complicazioni durante il travaglio della mamma, che includono:

  • travaglio prolungato e complicato, vale a dire dilatazione non sufficiente della mamma.
  • Quando la testa del bambino è troppo grande.
  • La madre può avere infezioni o febbre durante il parto.
  • cavo prolasso.
  • Quando il cordone ombelicale è intrappolato nel collo del bambino.

Vantaggi e svantaggi del cesareo

 

Tra i vantaggi del parto cesareo possiamo elencare:

  • Nessuna dilatazione.
  • Non ci sono contrazioni dolore.
  • Si evitano lesioni che potrebbero essere causate al bambino durante il parto naturale (sono ridotte).

E’ importante che il paziente sia conoscenza anche dei rischi di questa tipologia di parto. Come abbiamo detto si tratta di un’operazione chirurgica a tutti gli effetti pertanto si può verificare:

  • Infezioni.
  • danni ad organi.
  • Emorragie.
  • I rischi derivanti dall’uso di anestesia sia nella madre che al bambino.

Il tempo di recupero è un altro fattore che gioca contro. La madre rimane più giorni in ospedale fino a quando la ferita è guarita e in casa si avrà bisogno di aiuto per alzarsi dal letto o da una sedia.

Studi medici indicano che non solo la madre soffre gli  svantaggi del taglio cesareo ma anche i bambini potrebbero essere più predisposti a malattie rispetto al parto naturale.

 

Esercizi per ridurre il rischio

Secondo gli specialisti svolgere attività fisica tre volte alla settimana dalla decima settimana di gravidanza può aiutare a ridurre i rischi sopra descritti di un parto cesareo, dal momento che c’è meno probabilità che il neonato pesi più di 4 chili. Circa 15 o 20 minuti può valere la pena di tenere in forma durante il periodo di gravidanza, a conferma dell’importanza che lo sport ha per la nostra salute e per il bambino.

La raccomandazione degli specialisti prosegue dicendo di evitare una vita sedentaria. Gli autori di questo studio ha analizzato il rapporto diretto tra l’attività fisica e gravidanza dal secondo trimestre di gravidanza. Pertanto, il rischio di dover ricorrere ad un parto cesareo diminuisce fino al 50%.

Periodo di recupero Parto cesareo

Le donne che sono state madri attraverso il parto naturale richiedono circa 48 ore di un ricovero ospedaliero, mentre quelli che fanno cesareo bisogno di almeno 96.

anestesia

Dopo l’intervento, la successiva ripresa sugli effetti dell’anestesia come nausea o vertigini è inevitabile, anche se è vero che questi effetti non si estendono oltre le 24 ore.

farmaci

Come in altri interventi chirurgici, il dolore può essere alleviato sperimenterà attraverso alcuni farmaci che saranno prescritti dal vostro specialista.

Il ritorno a casa

Il periodo post-operatorio richiede la piena esclusiva di raggiungere un recupero completo e rapido da un intervento chirurgico. Cioè, è proibito trasportare eccessivo esempio peso per esempio sollevare il neonato da soli.

Dopo i primi 15 giorni dall’intervento chirurgico, non si dovrebbe avere rapporti di coppia. In genere non è consigliabile fare sport e rapporti di coppia o qualsiasi altra tipologia di sforzo per un mese e mezzo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog Cure e Rimedi