Che cosa è un attacco di panico?

Home » Ansia e Stress » Che cosa è un attacco di panico?

Attacco di panico: che cosa è, cause

Si tratta di una condizione (apparentemente) improvvisa con molta alta ansia e eccitazione fisiologica. Di solito l’attacco di panico arriva improvvisamente e raggiunge il livello più alto in 10 minuti, ma può durare minuti o ore (il corpo non è in grado di mantenere un attacco di ansia per molto più tempo). La persona percepisce il terrore o paura intensa, accompagnata da alcuni sintomi fisici molto caratteristici (quattro sono sufficienti a considerare un attacco di panico).

Sintomi attacchi di panico:

  • Iperventilazione polmonare. Mancanza di respiro.
  • Tachicardia.
  • Dolore toracico.
  • Tremori
  • Vertigine.
  • Sudorazione.
  • Nausea.
  • Sensazione di perdita del controllo.
  • Paura di morire o di “impazzire”.
  • La percezione di irrealtà.
  • Assoluta necessità di sfuggire al luogo o situazione temuta.
  • Brividi o vampate di calore.
  • Secchezza della bocca

Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali considera l’attacco di panico come un sintomo, e deve essere codificato in un disturbo: il disturbo di panico (con o senza agorafobia). Possono verificarsi attacchi di panico occasionali senza realmente codificare un disturbo o altri tipi di situazioni.

Attacchi di panico

Attacchi di panico

Cause dell’attacco di panico

Il primo attacco di solito è inaspettato, ma si tende ad associarlo a quello che stiamo facendo. Ad esempio se il primo attacco di ansia avviene su un autobus, prenderemo il bus come una possibile causa.. La prossima volta che saremo a bordo di un autobus è più probabile di subire un altro attacco di ansia, perché saremo nella paura e in attesa (e questo altera il respiro). Questa generalizzazione (in alcune persone) può indurre a temere di uscire di casa o andare in luoghi pubblici o affollati per paura di avere un altro attacco di ansia, in questo caso potremmo dire che è un disturbo agorafobico con attacchi di panico.

Tutto inizia perché interpretiamo una situazione come una minaccia o un pericolo, quindi il corpo si prepara per la lotta o fuga (entrambi comportano un dispendio di energia fisica) e si avvia un meccanismo fisico con aumento battiti e respiro.

Come fermarlo? Cosa fare?

E ‘molto semplice per fermare un attacco di ansia, se si sa come. Normalmente basta compensare l’iperventilazione, che fa sì che a poco a poco il corpo diminuisce le sue reazioni e i sintomi scompaiono.

La trappola della paura → Questa teoria spiega gli errori che scatenano la successiva reazione di avversione. L’errore principale è l’interpretazione che la persona fa con i sintomi. I sintomi fisiologici sono una normale reazione fisiologica alla paura (ma la paura in sé non è reale) e non comporta veramente alcun pericolo per la salute della persona. Il secondo errore è quello di cercare di evitare a tutti i costi le situazioni associate con l’attacco. Questa è la trappola: più si cerca di evitare, più si cerca di controllare e peggio saranno i risultati perché in questo modo stiamo alimentando la paura. Più evitiamo una cosa e più ci darà paura. Oltre a tutto questo ci fa credere sempre meno nella nostra stessa capacità.

Consigli per controllare attacchi di panico:

Essere consapevoli del fatto che nulla di male può accadere, è una reazione sgradevole che fa davvero paura, ma innocuo. Usa il tuo dialogo interiore per cercare la calma, dite frasi come “si tratta di una reazione normale del mio corpo” …

Concentrarsi sul presente e non anticipare cosa accadrà in seguito (questo è utile prima dell’attacco di ansia).

Non pensare che il panico è un male, è parte del meccanismo evolutivo del nostro corpo, ma può essere messo sotto controllo, in ogni caso non un pericolo.

Trova una distrazione e parlane con qualcuno.

Fare una respirazione controllata LENTA: Idealmente, fai un paio di respiri lenti (mantenendo l’aria circa 5 secondi ciascuna) e alternare con qualche normale respirazione attraverso il naso ed espirare attraverso la bocca lentamente. Se non possiamo o siamo nella fase acuta di attacco di ansia puoi respirare in un sacchetto.

Evitare le bevande stimolanti (caffè, tè, bevande energetiche …), evitare cibi troppo zuccherati (lo zucchero è uno stimolante) ed evitare l’alcol.

Se nonostante questi suggerimenti avete ancora problemi ci sono professionisti che possono aiutarvi con questo e altri problemi associati all’. In ogni caso il problema ha una soluzione e ci sono tecniche che ti aiuteranno molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog Cure e Rimedi